Fondata nell’ottobre 1988, inizia la sua attività organizzando servizi di assistenza domiciliare.
Nel 1991 nasce il  Centro Diurno – Servizio di Formazione all’Autonomia - per persone disabili adulte.
Dal settembre 2005 al luglio 2008 il Centro Diurno – S.F.A. consegue la CERTIFICAZIONE DEL SISTEMA DI QUALITÀ conforme alla UNI EN ISO 9001:2000 per i seguenti prodotti/servizi: "Progettazione ed erogazione di attività educative dirette allo sviluppo e mantenimento delle autonomie di adulti diversamente abili".
Dal mese di ottobre 2008 il Centro Diurno – S.F.A. si trasforma in Centro Socio Educativo.

La Cooperativa, ispirandosi ai principi della solidarietà, ha lo scopo di perseguire l’interesse generale della comunità e di promuovere l’inclusione sociale dei cittadini, come previsto dalla Legge n. 381 del 1991, attraverso la gestione di attività assistenziali, educativi e ricreative con l’obiettivo prioritario di migliorare la
qualità di vita di adulti diversamente abili e dei loro familiari.
Un’attenzione particolare di tutti gli operatori è volta alla creazione di un ambiente socievole dove venga superato lo status d’assistenza e la persona si senta utile e valorizzata.

Attraverso la suddetta consapevolezza, la Cooperativa intende:

  • dare importanza ed entusiasmarsi per le semplici azioni di aiuto, per poi cercare di fare sempre di più;
  • impegnarsi a rispettare, valorizzare ed accogliere le diversità di ciascuno;
  • lavorare per creare una nuova cultura della disabilità, promuovendo una nuova immagine delle potenzialità delle persone diversamente abili;
  • incentivare azioni di rete solidale sul territorio, collaborando con le altre realtà sociali, culturali, artistiche e sportive;
  • sviluppare ed offrire attività e servizi di qualità grazie al lavoro armonioso di professionisti e volontari.

I comportamenti fondamentali per sostenere e tutelare la mission sono i seguenti:

  • l’atteggiamento costante di accettazione e di ascolto inteso ad individuare i bisogni di ognuno, a renderli espliciti e, nei limiti del possibile, a soddisfarli;
  • l’impegno nell’individuare, comprendere e valorizzare gli stili cognitivi personali attraverso l’adozione di strategie educative diversificate;
  • la cura nel guidare i fruitori a diventare consapevoli della dinamica dei loro processi cognitivi, in modo da usare positivamente anche gli insuccessi.

Tutto questo comporta:

  • accettazione incondizionata della persona per aiutarla a percorrere una strada di sviluppo o di mantenimento e/o perfezionamento delle proprie abilità;
  • il rispetto e l’attenzione per quello che la persona è, per la sua storia di vita, per le sue potenzialità e i suoi problemi;
  • utilizzo costruttivo di ogni possibilità riscontrabile nel percorso educativo di cui i fruitori sono protagonisti;
  • coinvolgimento di tutti gli adulti responsabili nella riuscita del percorso educativo.

Presidente: Ambrogio Ripamonti
Coordinatrice CSE - Ernestina Ingenito:
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Tel. 031.611509


Bilancio Sociale 2016